Il prefetto di Brescia: valutare lo smaltimento dell’amianto in chiave occupazionale

Data la situazione della giunta regionale lombarda, da qualche tempo la MINACCIA di un pericoloso impianto di smaltimento per l’amianto in Valcamonica è silente.

Nei giorni scorsi il prefetto di Brescia, Livia Brassesco Pace, ha incontrato una ventina di sindaci camuni per affrontare la gestione della sicurezza pubblica, in seguito all’ondata di furti avvenuti nei mesi scorsi sul territorio. E parlando di occupazione, il sindaco di Gianico Mario Pendoli ha cercato conferme sul fatto che il progetto del famigerato impianto potesse essere cancellato. La risposta del prefetto è stata SCONCERTANTE.

Dal Bresciaoggi, Paolo Morandini.

«Una minaccia temuta per la salute pubblica non può essere trattata in queste occasioni, la Prefettura è il luogo dove, se verrà richiesto, si potrà valutare la questione. Ma pur dovendomi opportunamente informarmi sul tema, credo che in un periodo di crisi occupazionale si potrebbe valutare se un’attività come quella dello smaltimento sia da rifiutare a priori, o invece da valutare senza pregiudizi»

amianto-immagine radiocittàfujiko-In seguito il comitato NO AMIANTO di Gianico ha diffuso il seguente comunicato. Lo condivido (e invito chiunque a farlo, con qualsiasi mezzo) anche per ricordare ai Camuni che i nuovi eletti in regione ora analizzeranno questo progetto e avranno la responsabilità della nostra salute e del degrado del nostro territorio.

Ai mezzi di informazione

al Sindaco di Gianico

ai Consiglieri della Provincia e Regione Lombardia

al Presidente della Comunità Montana di Valle Camonica

ai Sindaci della Valle Camonica

all’ASL di Valle Camonica

Il giorno 21 marzo u.s. il Prefetto di Brescia, Livia Brassesco Pace, ha incontrato alcuni Sindaci della Valle Camonica per discutere il tema della sicurezza del territorio.

In quell’occasione Le è stata rivolta dal Sindaco di Gianico una precisa domanda sul progetto dell’installazione a Gianico di un impianto di trattamento di rifiuti di amianto. La risposta del prefetto, come pubblica Bresciaoggi del 22 marzo, è stata questa:

 “…pur dovendomi opportunamente informare sul tema, credo che in un periodo di crisi occupazionale si potrebbe valutare se un’attività come quella dello smaltimento sia da rifiutare a priori, o invece da valutare senza pregiudizi”.

Ci pare che questa posizione rilasciata da una pubblica autorità sia superficiale e inaccettabile. Sappiamo tutti che l’amianto ha causato e continua a causare migliaia di morti e che l’impianto in oggetto non offre alcuna sicurezza.

Pensiamo che mettere in contrapposizione la difesa della salute e dell’ambiente e il diritto al lavoro non sia opportuno, come dimostrano numerosi esempi a partire da Casale Monferrato e Taranto.

La preoccupazione del Sindaco di Gianico, che pone una domanda stringente per chiedere rassicurazione per i propri cittadini, è la stessa che ha mosso il lavoro del COMITATO NO AMIANTO ed ha portato oltre ventimila cittadini di questo territorio a prendere una pubblica posizione di rifiuto di questo progetto.

Chiediamo ancora che tutte le autorità preposte alla sorveglianza e chiamate a decidere facciano propria la preoccupazione dei cittadini che hanno diritto certamente a un lavoro, ma non sono disponibili a barattarlo con la perdita della salute e il degrado dell’ambiente.

Questa posizione è sostenuta anche con fermezza dalle organizzazioni sindacali CGIL e CISL della Valle, aderenti al Comitato stesso, le quali notoriamente sono mobilitate per garantire occupazione in questo territorio.

COMITATO NO AMIANTO DI VALLE CAMONICA

noamiantovalcamonica@libero.it

Gianico, 23 marzo 2013

Advertisements

3 thoughts on “Il prefetto di Brescia: valutare lo smaltimento dell’amianto in chiave occupazionale

  1. sicuramente si fara i partiti che hanno preso i soldi in regione per fare lo smaltimento dell’amianto sono stati votati e hanno vinto in regione chi li ha votati si mangino l’amianto che uscira dallo smaltimento.

  2. il comune di Cortenuova Bg è nelle vostre condizioni , ce la stiamo mettendo tutta anche noi gruppo “NO AMIANTO A CORTENUOVA”AUGURI speriamo bene

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...