Il progetto TerraUomoCielo

TerraUomoCielo esprime la propria professionalità per la salvaguardia di un mondo agricolo fatto innanzitutto da uomini capaci di vederlo nel suo insieme, contribuendo alla creazione di vini con una precisa identità e comunicando al mercato la loro unica, irripetibile caratteristica.

L’intuizione di questo progetto nasce in Franciacorta dall’incontro fra Giovanni Arcari, allora agente di commercio, e Nico Danesi, enologo, con il produttore Andrea Arici durante la vendemmia 2002. Era la prima base spumante di quella che oggi è l’azienda Agricola Colline della Stella di Gussago (BS). Un vino in divenire, un’intuizione, una visione. Per creare qualcosa di importante, comunicarlo e farlo capire, non bastava che il vino fosse buono, bisognava investire tempo e risorse. Giovanni decise così di mettersi in gioco in prima persona, dando vita ad un progetto che potesse servire per creare un’identità, in quella che allora era un’azienda in divenire. L’idea era di scoprire un vino, che fosse l’espressione degli elementi unici che inevitabilmente, costituivano quella base.

Dopo anni, TerraUomoCielo è una realtà, e altre aziende si affidano alla sua consulenza, tra queste Camossi ad Erbusco. TerraUomoCielo segue inoltre in altre zone, vini che non vengono ripetuti per una seconda annata: nel 2007 Pinot Nero particolarissimo sui colli piacentini, prodotto in mille bottiglie, e nel 2008 un bianco da uve Invernenga (vitigno autoctono bresciano) nella zona di Cellatica. Lo scandire del tempo è segnato da intuizioni concretizzate e sogni realizzati. Dopo dodici anni spesi al servizio di altre realtà, prende forma anche l’azienda agricola Arcari+Danesi (Coccaglio- BS)  che, con la neo nata SoloUva di Erbusco (BS) del giovane Andrea Rutelli, entra a far parte del progetto.

TerraUomoCielo
Questo blog nasce dalla volontà di informare l’avventore su tutto ciò che succede nelle aziende seguite da TerraUomoCielo. Dalla vendemmia alla sboccatura per le aziende franciacortine, fino all’appassimento delle uve e l’affinamento del vino per le altre. Raccontare con immagini e parole il lavoro dei contadini e i prodotti della loro terra.
Avrà anche una funzione di supporto per chi ha scelto di comunicare con me questo progetto. Chi comunica, troverà sempre aggiornamenti e notizie sulle aziende.
Oltre a questo, in questo spazio, si parlerà, commenterà e, se necessario, si criticherà senza timore di sorta, tutto ciò che accadrà nel territorio bresciano. Le notizie e le varie iniziative legate al territorio enoico bresciano, ai suoi consorzi, ai suoi vini e ai suoi produttori veri protagonisti della Cultura Enoica Bresciana.

Giovanni Arcari

English Version 

TerraUomoCielo’s mission is that of safeguarding a farming tradition founded by people capable of recognizing its value as an overarching agricultural system. The project seeks to create wines with distinct personality and to market the wines and their unique character to consumers.

The idea was born during the 2002 harvest when Giovanni Arcari, then a wine sales agent, teamed up with enologist Nico Danesi and winemaker Andrea Arici. The base wine they produced would become the first wine to be bottled by the Colline della Stella winery in Gussago (in the province of Brescia).

A new wine, an intuition, a vision.

In order to create a truly important wine, to market it, and to help consumers understand it, the wine not only needed to be great but it was also necessary to invest time and money.

This is why Giovanni decided to take hands-on approach and give life to a project that could help to craft the identity of a newly launched winery. The idea was that of producing a wine that would ultimately reflect the unique traits of the base wine they had made together.

Over the years, TerraUomoCielo became a reality and the group began consulting with other wineries, including Camossi in Erbusco.

TerraUomoCielo also works in other appellations and consults on wines that will never be repeated with a second vintage: In 2007, a thousand bottles of distinctive Pinot Nero grown in the Colli Piacentini; in 2008, a white wine made using an indigenous grape variety of Brescia called Invernenga grown in the Cellatica area.

With the passage of time, their ideas have taken shape as dreams come true. And after 12 years working with outside estates, the Arcari + Danesi winery was born (in Coccaglio in the province of Brescia) together with the SoloUva winery (in Erbusco, also in the province of Brescia) founded by the young Andrea Rudelli who became their partner.

This blog was created with the intent of documenting the TerraUomoCielo project. From the picking of the grapes in Franciacorta to the disgorgement of the wines, from the drying of the grapes and the aging of wines in other appellations, this blog is intended to share every detail of the winemaking process. Through images and words, it will tell the story of farmers, their work, and the products of their land.

The blog will also serve as a resource for those who have chosen to share this project with the world. It will be updated regularly with information and news on each of the wineries.

It will also be an uncensored platform for discussion, commentary, and — when necessary ­— criticism with regard to everything that happens in Brescian wine today. Topics will include news on projects linked to Brescia’s wine country, its governing bodies, its wines, and its winemakers — the true stars of Brescian viticulture.

Annunci