Con le leggi italiane inquinare conviene!

Le leggi italiane in materia d’inquinamento e altri disastri causati dalla stupidità umana sono ridicole.
L’ultima è di oggi e mette ancora Brescia sotto i riflettori. Leggi QUI
cosa rischiano questi scaltri cialtroni. La giustizia è decisamente più severa con chi ruba una mela.

Questi danneggiano un territorio, mettono in pericolo la salute delle persone e se la cavano con un massimo di 26mila euro e (forse) due anni di reclusione? Ma quanto hanno risparmiato a inquinare? Tanto.
Altro capitolo è quello legato alle inondazioni e l’iter è il seguente; un popolo di bestie elegge un cretino che consente -previo laute mance- a qualche ignorante galattico di cementare. Il popolo bestia a sua volta compra le case costruite. Poi piove e le case si allagano e il popolo piange. Il cretino eletto insieme alla sua giunta chiede “lo stato di calamità naturale” e lo stato deve (dovrebbe) risarcire i danni.
Il cretino e la giunta assolutamente incolpevoli oltre che collusi e finanziati da chi ha costruito.

Ecco l’Italia di oggi, che più il comune è piccolo e più è fetida l’azione dei suoi attori contro la collettività e a vantaggio solo di interessi personali. Opere che cercano di far passare come necessarie, utili per i portatori di handicap e fondamentali per migliorare il territorio.
Se dovessi pensare ad una pena per queste cose, comincerei a ragionare dalla pena di morte in su.

altAvc-86zURBHV0ghYmTGCbNiz66SvpX964jfjfvWGWsk4

Annunci

2 thoughts on “Con le leggi italiane inquinare conviene!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...