Il caso Monte Isola arriva a Roma

Ricevo e pubblico da Stefania Itolli, attivista dell’associazione “Brescia per passione”.

G.A.

Ecomostri sul lago d’Iseo: i senatori Della Seta e Ferrante chiedono al Ministro dei beni culturali di intervenire per tutelare Monte Isola

Il circolo ECODEM di Brescia si mobilita per fermare il PGT di Monte Isola che sconvolgerebbe, con una inutile quanto dannosa cementificazione, in modo irreversibile uno dei luoghi più belli d’Italia. Una edificazione che interessa aree di proprietà comunale che verrebbero cedute a qualche immobliare per produrre case che rimarranno invendute.

La Lombardia è una delle regioni più urbanizzate e cementificate d’Europa, la pianura bresciana, il territorio in cui si è sacrificata più superficie agricola.Dobbiamo fermare questo ennesimo insulto al nostro territorio. Molti cittadini sono preoccupati. Abbiamo portato le loro istanze a livello nazionale. Ci attendiamo una risposta del Ministro Ornaghi all’interrogazione parlamentare presentata dai senatori Della Seta e Ferrante (Pd)”.

Nel comunicato stampa di ieri i senatori del Pd Roberto Della Seta e Francesco Ferrante dichiarano:

A Monte Isola sul Lago d’Iseo, uno dei borghi più belli d’Italia, l’amministrazione comunale sta portando un incredibile assalto al territorio, con un ecomostro adibito a parcheggio per motocicli e con un megaprogetto che prevede la realizzazione di 13 comparti residenziali. Chiediamo al Ministro dei Beni culturali di attivarsi per fermare questo scempio, che comprometterebbe un territorio di grande pregio”.

Monte Isola – continuano i parlamentari – è un caratteristico borgo, dove da sempre vige il divieto di circolazione delle automobili e che doveva essere un modello di sostenibilità, di tutela del patrimonio e di sviluppo sostenibile del turismo. Ma sull’isola è sorto tra grandi resistenze e polemiche  un «sarcofago» di metallo alto sei metri e quaranta e lungo cinquanta metri solo per mettere al coperto le moto, mentre a questa impattante installazione di acciaio rischia ora di aggiungersi una enorme colata di cemento: il Piano di Governo del Territorio prevede la costruzione di 13 comparti residenziali, la cui destinazione meramente speculativa è resa evidente dal fatto sull’isola sono disponibili ben 500 alloggi vuoti.”

“Il Ministro – concludono i senatori del Pd – intervenga per preservare la qualità ambientale e paesaggistica della più grande isola lacustre d’Italia e d’Europa, che avrebbe bisogno di un piano di risanamento e non certo di nuovi volumi di cemento.”

Annunci

2 thoughts on “Il caso Monte Isola arriva a Roma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...