Informare per salvare l’Agricoltura è dovere di tutti.

Il latte non vale un cazzo e non perché costa poco produrlo, semplicemente perché a stabilire il prezzo del bene in questione, è chi lo compra. Non mi riferisco al consumatore finale che prende a scaffale una mozzarella, ma alle multinazionali che conoscono solo una concorrenza fatta sul prezzo e sull’immagine di una qualità fittizia. Chi compra la materia prima e produce, specula sia sul contadino che sul consumatore.

La colpa dell’avventore da supermercato è l’ignoranza, che lo porta a credere che l’immagine della fattoria e del prato in fiore che sta sulla confezione, esista davvero. Dobbiamo dirglielo che non è così.

La stessa cosa vale per il vino e l’uva.

Il ricatto nei confronti di chi produce è semplice: se non la compriamo da te, troveremo qualcuno più disperato (stupido, disonesto e poco lungimirante)di te disposto a vendercela alla cifra che NOI COMPRATORI abbiamo stabilito. Fanno cartello, importando latte in polvere da paesi terzi che quando arriva in Italia e viene trasformato diventa “latte italiano” e gli è consentito di scrivere sulla confezione “prodotto con latte italiano”.

Il latte in polvere non costa una minchia e il ricatto è servito: compro quello, tanto posso raccontare quello che voglio.

Stessa cosa per il grano per produrre pasta. Nel nostro paese servirebbero altri 60mila ettari oltre agli esistenti, per soddisfare il fabbisogno dei produttori di pasta. Pensate, sono gli stessi ettari che sono stati espiantati, così che i pastai possano importare grano dall’Asia a prezzi bassissimi obbligando gli italiani a vendere il loro a una cifra ben al disotto del costo di produzione. Le leggi non tutelano il consumatore e nemmeno l’agricoltore, ma solo le multinazionali che ingrassano di stecche politici corrotti e stupidi come capre. Certo non sono meno stupidi di chi si dovrebbe opporre (altri politici) e non lo fa perché gli arrivano stecchette, decisamente meno pesanti. Idioti.

A questo punto la multinazionale trasforma la materia prima, ci fa pasta, formaggi, carni e vino al quanto discutibile (per usare un eufemismo) qualitativamente e cerca di produrne il più possibile, senza seguire uno schema economico che dovrebbe portare a equilibrare numeri, valore e prestigio, che tradotto, significano salvaguardia del territorio e della vita di chi lo occupa.

Produce per la sua avida fame di soldi, produce fottendosene della vita degli altri, del territorio che utilizza come specchietto per le allodole insieme a un’immagine rurale che non gli appartiene.

Per questo mi rivolgo agli amici e pure ai nemici che gestiscono un blog, una rivista, una testata. È bellissimo quello che scrivete, che voi lo facciate per passione, per denaro, per il vostro ego, per gli accessi o quant’altro, ma vi prego di prendere in considerazione il fatto che l’artigianalità, la territorialità e gli uomini che cercano quotidianamente di resistere alle storture di un mondo che conosce solo l’imbroglio legalizzato, stanno morendo lentamente e con loro l’identità di un territorio (quello italiano), di un mestiere e la vita delle persone, compreso la vostra.

Vi chiedo di riprendere e di fare vostre le cose che ho scritto se ci credete davvero e se volete continuare a scoprire, emozionandovi ed emozionando chi vi legge, i meravigliosi vini e prodotti agricoli che qualcuno, da qualche parte produce ancora. Non linkatemi, non fate riferimento al mio blog se la cosa può generare in voi disturbo, non m’importa, ma pensate a far arrivare alla gente che tutti i giorni sceglie cosa comprare questo fondamentale messaggio, questo grido d’aiuto, prima che sia troppo tardi.

Grazie.

Giovanni Arcari

Annunci

4 thoughts on “Informare per salvare l’Agricoltura è dovere di tutti.

  1. concordo con te in todos….l’informazione deve arrivare a tutti, ma la cosa più importante e fare capire alle persone come spendere bene i lori soldi, ” LA SPESA CONSAPEVOLE” io lo faccio tutti i giorni sul gruppo F.B “CACCIA AL SENTORE” gratis non ho un bolg e non credo che lo farò mai, per tanti motivi. Grazie condivido il tuo articolo.

  2. Giro il post via twitter e mi permetto di segnalarvi una storia DI PRODUTTORI DI LATTE franciacortini che hanno deciso, rischiando tutto, di uscire dalle logiche di cui parla Giovanni. Ovviamente grazie a strategie distributive e relazioni con i consumatori innovative (i GAS e la bottega del commercio di Rovato). I loro prodotti li trovate in giro per i paesi franciacortini (nei distributori). Hanno dimezzato il numero di capi, aggiunto tecnologie di “benessere per le vacche”, riconvertito al biologico i loro campi da cui traggono il foraggio, inventato un packaging che riduce le palstiche del 70%… insomma da sostenere e imitare!
    http://www.di-wan.org/2011/10/il-ritorno-dei-cava-occ/
    http://franciacorta.radiondadurto.org/2011/10/06/buone-pratiche-in-franciacorta-i-fratelli-mazzotti-produttori-di-latte-biologico-e-solidale-in-franciacorta/

  3. Me lo ero perso questo post.
    Ho fatto ammenda oggi, su questi discorsi mi sono scontrato più volte su FB con Bressanini e Bay che sostengono la capacità del mercato di autoregolarsi e che anzi le troppe regole sono la causa dello squilibrio di cui tu parli, sostengono inoltre che le multinazionali “vogliono il nostro bene” e non sono dei mostri (discorso da pazzi, ma ci credono con ferocia).
    E’ ora di dire basta alla perdita di reddito agricolo e del conseguente spopolamento delle campagne e dei presidi territoriali.
    Luigi

    1. Quando Bressanini (e ti prego di comunicarglielo) sarà in grado di dimostrare con i numeri che le multinazionali “vogliono il nostro bene”, io dichiarerò che Boy George è etero.
      Ognuno faccia il proprio lavoro e dubito che Bressanini sia anche un economista per sparare certe massime prive di fondamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...