La bòta dei brigàncc de al Giubilina

In una località di montagna  chiamata “al giubilina”, vivevano un tempo un dozzina di Briganti. Provenivano dalla Valcamonica, e dalle confinanti Valtrompia e Valsabbia.

Erano ladri molto famosi e temuti dalla gente, e per le loro malefatte erano ricercati dalle forze dell’ordine. In queste vallate esistono dei passaggi sotterranei chiamati “gànde”, che si racconta sbuchino persino in Valtrompia. In questi cunicoli vivevano i briganti, nascondendoci anche la refurtiva frutto delle loro scorribande.

Quando scendevano nei villaggi, le donne e i bambini si ritiravano in casa, perché questi uomini incutevano timore; indossavano larghi mantelli, calzoni alla zoava, fazzoletti variopinti legati al collo e avevano sguardi arcigni. Avanzavano tra le abitazioni stringendo un grosso bastone, e scrutando nelle case attraverso i vetri delle finestre.

Sulla montagna confinante, chiamata Silter di Campolungo, c’era una malga dove viveva, sia d’estate che d’inverno, un capraio. I briganti passavano spesso le serate da lui, mangiando formaggi e polenta, bevendo latte fumante, ma non resero mai la cortesia, per non dover svelare esattamente dove abitassero, e la presenza dei tesori nascosti.

Col passare del tempo, i malviventi iniziarono a litigare tra loro, per la divisione del bottino, fino ad uccidersi l’un con l’altro. Diventarono sempre più prepotenti e saccheggiarono persino le chiese delle vallate. La gente si chiudeva nelle stalle, ed era convinta che l’uccidersi tra loro fosse il castigo di Dio per le loro cattive azioni.

Solo uno di questi si salvò, e trascorse nell’anonimato i suoi ultimi anni in un paese della Valtrompia. Solo in punto di morte rivelò la sua vera identità, raccontando dei tesori ancora nascosti tra le gande della al giubilina.

Annunci

One thought on “La bòta dei brigàncc de al Giubilina

  1. “Goi de contala” Era la maniera di raccontare ai nipoti le storie nelle sere d’inverno attorno al fuoco, o talvolta nelle stalle che erano dopotutto luoghi caldi. I bambini si addormentavano sognando.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...