Festival Franciacorta 2013 senza precedenti!

Galleria

Questa galleria contiene 4 immagini.

I giornali locali parlano di accessi superiori al 50% rispetto allo scorso anno e quindi possiamo certamente affermare che il Festival Franciacorta, quest’anno, sia stato un successo senza precedenti. L’anteprima del festival voluta e organizzata magistralmente da Vittorio Fusari con … Continua a leggere

Nutrire la Franciacorta con SlowFood, aspettando il Festival..

Galleria

Questa galleria contiene 1 immagine.

La condotta Slow Food Oglio – Franciacorta – Lago d’Iseo presenta Aspettando il festival Franciacorta a sostegno del progetto NUTRIRE LA FRANCIACORTA L’evento “Aspettando il Festival Franciacorta” è stato finalizzato, dai suoi organizzatori e dalle aziende che parteciperanno, alla raccolta … Continua a leggere

Festival Franciacorta a Milano: Arici e Camossi presenti!

Galleria

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il prossimo lunedì a Milano presso i chiostri del Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” potrete trovare ben quarantacinque aziende franciacortine in degustazione. La formula è quella che prediligo, ossia ognuno con il proprio tavolinetto uguale in … Continua a leggere

Festival Franciacorta a Roma il 27 febbraio!

Copio spudoratamente dal sito del Consorzio e aggiungo due informazioni di servizio:

Per Camossi ci saranno in degustazione due Extra Brut: il 2006 e il S/A (che comunque è un 2008).

Per Colline della Stella, il Dosaggio Zero e il Dosaggio Zero Rosé(e non come precedentemente annunciato, il “Nero”).

G.A.

Il tour 2012 dei Festival Franciacorta itineranti riprende il prossimo 27 febbraio dalla Capitale, importante tappa in cui si alterneranno dalle 14 alle 21 incontri e degustazioni.
Anche quest’anno, il Consorzio Franciacorta organizzerà nelle principali località italiane speciali iniziative dedicate agli appassionati di vino per far assaggiare la piacevolezza e l’intrigante complessità dei suoi prodotti.
Al prossimo Festival Franciacorta, nella cornice dell’Hotel Rome Cavalieri, 37 cantine e i migliori sommelier AIS proporranno a stampa, operatori del settore vino e grande pubblico, banchi d’assaggio con le loro etichette Franciacorta Brut, Rosé, Satèn, Millesimati.
Rivolto agli esperti del settore e agli appassionati, l’appuntamento delle 16.30: un seminario dedicato a 10 Grandi Riserve di Franciacorta per scoprire le caratteristiche di questi particolari vini, custoditi in cantina per oltre cinque anni e mezzo. Il corso ha un costo di 30 euro a persona: per informazioni e prenotazioni, contattare l’Ufficio Eventi Franciacorta, eventi@franciacorta.net – tel. 0307760477 int. 4, fax. 0307760467.
Festival Franciacorta a Roma c/o Hotel Rome Cavalieri – Via A. Cadlolo, 101 Roma
Orari: 14-16 ingresso riservato  alla stampa
16-18  ingresso riservato agli operatori 
18-21 apertura al pubblico – Ingresso: 10 euro

La Franciacorta dà l’addio a Vinitaly?

Non sono solito fare sconti al Consorzio ogni volta che ce n’è l’occasione ed è altrettanto giusto che vi segnali anche i momenti top, quelli da ricordare, quelli fatti di piccole ma significative svolte e in questo caso, devo segnalarne ben due.

Una di queste probabili “sterzate” potrebbe essere la mancata partecipazione del consorzio alla prossima edizione di Vinitaly.

La crescita del numero di aziende franciacortine partecipanti ha portato a un’inesorabile riduzione degli spazi, con i corridoi ridotti a sentieri e la temperatura capace di sfiorare quella dell’Etna, oltre a diversi disservizi e questioni politico-burocratiche, fanno propendere il consorzio per la mancata adesione all’evento. E le aziende che hanno stand al di fuori della lombardia, le stesse che promuovono il boicottaggio(leggi cda consorzio), saranno ugualmente in fiera o saranno solidali con il resto dei produttori franciacortini? Questo sarebbe interessante saperlo.

Personalmente appoggio la decisione, anche perché l’ingente investimento non era più in grado di garantire un servizio degno per i consumatori e nemmeno di consentire agli operatori di lavorare in condizioni umane.

L’altra poderosa “strambata” del veliero consortile è evidenziata dalla modalità con la quale si deciderà definitivamente tra partecipazione o diserzione. È stato chiesto a ogni cantina di esprimersi a riguardo. Una testa un voto e la maggioranza vince, lo considero un atto di democrazia non indifferente, in un’italietta del vino nella quale a decidere per le sorti di tutti è sempre chi produce di più. Non vorrei far trapelare dell’ironia, che di fatto non c’è, il mio entusiasmo è sincero.

A fronte di questo sistema, di questo nuovo corso delle cose fatto di referendum, ne approfitto per lanciare una proposta con lo stesso sistema. Sia ben chiaro che questo blog non vuole diventare una bacheca sulla quale esporre i voti. La proposta che segue è per il Consorzio che avrà modo di chiedere a sua volta il parere a ogni singolo produttore.

Se ogni singolo produttore investisse la stessa quota che verserebbe per avere 8 metri quadri a Verona, e si usasse per sviluppare un evento in Franciacorta sullo stile della “vecchia” formula del festival ;-) rivista, rivisitata, migliorata, approfondita e magari tagliata di qualche eccessivo e costoso sfoggio?

Villa Lechi, Casa Marchetti e Villa Longhi con il suo meraviglioso parco? Altrimenti potremmo usare due/tre luoghi non attigui ma collegati da un servizio impeccabile di autobus. Potremmo farlo negli stessi giorni di Vinitaly?

Il Festival Franciacorta a Erbusco, non si fa più! (seconda puntata)

Sono settimane che da ogni parte d’Italia c’è chi mi scrive, mi telefona o semplicemente m’incontra e mi chiede lumi su date, orari e programmi della manifestazione che un tempo, portava una fiumana di gente a Erbusco nella splendida cornice di Villa Lechi.

Questa manifestazione con la sua bella e democratica formula non esiste più, quindi smettete di chiedere e mettetevi il cuore in pace: dimenticatevi di poter confrontare in tempo reale ciò che produce tizio rispetto a caio. Il confronto costruttivo non sà dà fà!

Per il secondo anno il consorzio ha confermato il Festival Franciacorta in Cantina che fa presupporre la necessità di avere una cantina non solo come luogo di trasformazione delle uve, ma come una sorta di struttura ricettiva nella quale si potranno intrattenere gli ospiti tra stelle filanti, sorrisi smaglianti e bottiglie che fanno il botto. Quindi, se la vostra sede più che assomigliare al Billionaire, sembra la casa dei Bradford siete fottuti, perché non c’è spazio per nessun altro.

Ne avevo già scritto QUI e dal Consorzio mi era stato risposto così: “caro Arcari, non puoi immaginare la quantità di pubblico che è accorso nelle varie cantine. I produttori sono tutti entusiasti”. Un successo che, facendo una ricerca in rete, pare ravvisato solo dal Consorzio e da qualche azienda.

Beh, nell’italietta nostra, che gioisce ancora perché  –anche quest’anno- si produrranno più ettolitri rispetto ai cugini d’oltralpe e non ci si preoccupa del valore unitario di quanto si produce, o ancora, non ci si chiede se questa super produzione avrà effettivamente un mercato o meno… non mi stupisco più di niente e consiglio anche a voi di fare lo stesso.

In ogni caso, per chi volesse informazioni in merito al prossimo “Festival Franciacorta in Cantina” le può trovare QUI.

Festival Franciacorta a Milano

L’appuntamento è per domani, 30 maggio, presso i Chiostri del Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci in Via San Vittore 21 a Milano. Saranno presenti oltre cento etichette per quarantasei produttori. 

Dalle ore 16 alle 18, ingresso riservato agli operatori. Dale 18 alle 22 per il pubblico.

A domani!